Rivoluzione Economica

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
PILLAR 1.7-Trasparenza del mercato
E-mail Print PDF

Rivoluzione Economica

Jak Italia - Interessante, senza interessi


I principi guida

La filosofia che guida l'azione della JAK è il superamento del dogma del tasso di interesse.

Modelli matematico-economici realizzati da economisti svedesi e tedeschi (Margrit Kennedy in testa) evidenziano che, circa il 90% delle persone paga in media, di interessi, più di quanto riceva. Quanto detto rimane valido sia che si prenda in considerazione un lasso di tempo limitato (ad esempio, un anno), sia che si consideri la vita intera della persona.

In altre parole, il bilancio tra interessi passivi (pagati su mutui e altri prestiti, principalmente per beni di consumo e per avviare/espandere attività imprenditoriali), interessi occulti (costi del credito che  tutti gli operatori della filiera produttiva portano inevitabilmente nei prezzi dei prodotti) e interessi attivi (sui conti correnti e reddito da capitale in generale) è negativo per il 90% delle persone, e positivo per il 10% circa.

Questo processo conduce al progressivo impoverimento del 90% della popolazione: più una persona è povera, più, nel corso della propria vita, avrà bisogno di prendere prestiti; più una persona è ricca, meno ne avrà bisogno e, anzi, più guadagnerà in interessi, in virtù del solo fatto di possedere denaro.

Il nostro progetto

L'Associazione Culturale JAK Bank Italia, condividendo lo spirito morale, etico, sociale, mutualistico e solidale della svedese JAK Medlemsbank, si prefigge essenzialmente 2 scopi:

  • diffondere la conoscenza del metodo finanziario economico proprio della JAK;
  • arrivare a costituire anche in Italia la nostra JAK.

Contemporaneamente, raccogliere adesioni di nuovi soci che vogliono sostenere l'Associazione e e sue attività e che, soprattutto, desiderano costruire la rete economico-sociale della futura JAK italiana.

Le nostre origini

L'Associazione Culturale JAK Italia nasce ufficialmente sabato 13 settembre 2008, durante l'Assemblea Costituente svoltasi a Firenze.

Questa Assemblea, che ha visto la partecipazione di 30 Soci Fondatori ed un'altra trentina di ospiti, ha sancito la costituzione dell'Associazione con regolare Atto Costitutivo, dotandosi di un suo Statuto.

L'Associazione Culturale è la naturale evoluzione del PROGETTO, partito con un'Associazione Virtuale sul web, che puntava alla realizzazione anche in Italia di una vera Banca solidale prendendo a modello l'omologa banca svedese e danese, la JAK Medlemsbank .

Tutto scaturisce da un blog lanciato da Mario Danisi, da sempre coinvolto in un vivido impegno civile.

Le sue parole descrivono perfettamente l'idea germinale di Jak Italia:

“Domenica 18 maggio 2008, come molti di voi, ho visto "Report" su RAI3 e sono rimasto particolarmente colpito dal servizio sulla JAK Bank in Svezia. Subito dopo la trasmissione mi sono messo su Internet a cercare notizie e, quasi per "gioco", ho iniziato un percorso per condividere questo sentimento di interesse con altri: ho inserito sul mio sito alcuni link, il giorno dopo vi ho costruito 2-3 pagine dedicate ad un approfondimento ed al tempo stesso a "spargere" la parola e cercare nuove adesioni a quello che ho definito "Progetto JAK Bank in Italy". Ho iniziato a ricevere importanti e considerevoli adesioni a questo Progetto e quindi ho costruito un primo sito dedicato appositamente alla nostra iniziativa. Da venerdì 6 giugno ho di nuovo fatto un "salto di qualità" spostando il nostro sito su un NOSTRO dominio. Lo scopo di questo sito è di raccogliere informazioni utili e sempre maggiori adesioni per arrivare, dopo attente, condivise, partecipate e riflettute scelte, a decidere se è possibile e come costituire la nostra JAK Bank in Italia.”


I documenti ufficiali dell'associazione 2012

http://www.jakitalia.it/chi-siamo

 



La Crisi e la Rivoluzione Economica

FASE 1 - Misure Urgenti





Conclusioni

 


Partecipa alla Rivoluzione: Condividi, Registrati e Commenta. Il cambiamento è possibile

 

click mapLa Mappa della Rivoluzione Economica e CulturaleLettura della Crisi AttualeFASE 1 - Misure UrgentiF1 - Misure Urgenti per Governo e SocietàF1 - Misure Urgenti per i MercatiF1 - Misure Urgenti per Banche ed Istituti FinanziariF1 - Misure Urgenti per Occupazione e SviluppoPilastro 1.1 Politica: Governare è una responsabilità ed un onore, non un privilegioPilastro 1.2 Cancellare gli sprechi e i finanziamenti ad attività improduttive dalla spesa pubblicaPilastro 1.3 Emersione del neroPilastro 1.4 Tassazione: favorire la produzione e chi lavora creando valore aggiuntoPilastro 1.5 Mercati finanziari: stabilizzazione dei prezzi di borsaPilastro 1.6 Convergenza tra valore di mercato e valore reale dei derivatiPilastro 1.7 Trasparenza del mercatoPilastro 1.8  Abbattere gli interessi sul debito degli Stati e superare la dipendenza dalle banchePilastro 1.9 Limitare il potere di banche ed istituti finanziariPilastro 1.10 Un fondo di responsabilità per il rilancio dell’economia realeFASE 2 - Cambiamenti, RivoluzioniPilastro 2.1 Politica: Etica, Morale e FormazionePilastro 2.2 Aziendalizzazione, trasparenza e meritocrazia nella pubblica amministrazionePilastro 2.3 Trasparenza e visibilità in tempo reale dell’uso del denaro pubblicoPilastro 2.4 Tassazione: ripartizione dei costi e crescita sostenibileF2 - Mercati - RivoluzioniPilastro 2.5 Sistemi di pagamento: Abbandono della carta moneta come forma di denaroPilastro 2.6 Ecosostenibilità e trasparenza: costi smaltimento e recupero, storicizzazione dei prezziPilastro 2.7 Istituzione di un’authority dei mercatiF2 Banche ed Istituti Finanziari - RivoluzioniPilastro 2.8 Ripartizione di oneri e benefici del credito, stop alla moneta bancariaF2 Occupazione e Sviluppo - RivoluzioniPilastro 2.9 Diffondere la conoscenza: portale del know-howPilastro 2.10 Garantire la qualità: formazione continuaFASE 3 - Sviluppo SostenibileConclusioniPartecipa alla Rivoluzione Economica e CulturaleLa Colonna Sonora della Rivoluzione Economica e CulturaleApprofondimenti

REGISTRATI e scarica l'eBook


Login

Referenti Territoriali