Rivoluzione Economica

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
PILLAR 1.6-Convergenza tra valore di mercato e valore reale dei derivati
E-mail Print PDF

Rivoluzione Economica

Lettura della Crisi Economica Attuale


Possiamo considerare il nostro sistema economico come un albero che ha costantemente bisogno di essere innaffiato: l’acqua è la liquidità immessa nel sistema (a debito) necessaria alla crescita e allo sviluppo. I frutti dell’albero servono a pagare i costi dell’approvvigionamento di acqua. Negli ultimi anni alcune foglie hanno cominciato a seccare e, per provare a salvarle, si è aumentata la quantità d’acqua: l’imprevisto è stato che l’albero non ha reagito producendo frutti a sufficienza per pagarne i costi.

Nell'ultimo decennio il sistema è stato drogato da continui stimoli alla domanda che hanno consentito l’acquisto di beni e servizi pur non avendo la disponibilità in denaro per acquistarli (indebitamento pubblico, mutui e prestiti a privati ed aziende, carte di credito e revolving, finanziarie per prodotti al consumo, la speculazione, eccetera). A fornire l’«acqua» necessaria alla produzione e all'acquisto di tali beni è stato il sistema finanziario. L’albero è cresciuto molto velocemente, troppo, rendendone insostenibile, sia dal punto di vista economico che ambientale, l'approvvigionamento.

Oggi il sistema è andato in crisi poiché da una parte sono venute meno le principale forme di garanzia che hanno fatto da contropartita all'aumento dell’indebitamento (ad esempio i beni immobili), e dall'altra la domanda non ha più spazio per essere sostenuta da un ulteriore indebitamento di Stati, privati e aziende. Tale situazione si è delineata con chiarezza nel 2007. La crisi del mercato ha impedito alle banche di creare ulteriore moneta e il sistema ha cominciato ad avere difficoltà ad autosostenersi. La logica conseguenza sarebbe dovuta essere un forte ridimensionamento generale del mercato: recessione, fallimento di alcune banche e assicurazioni, crollo dei valori immobiliari. Il timore che una tale situazione sarebbe stata ingestibile o non conveniente per il sistema finanziario ha portato ad affrontare la crisi con tutt’altro approccio: nuovo debito (privo di garanzie) per «stimolare» l’economia. Ma le foglie ormai morte non si sono riprese e l’albero non ha creato che frutti marci: questa politica ha portato oggi a una situazione drammatica.

Attualmente nel mondo si trova in circolazione una quantità enorme di denaro non coperta da alcuna garanzia e l’immobilismo attuale porterà al collasso e a una forte svalutazione dei frutti del lavoro di anni. Solo in pochi ne trarranno benefici, mentre la maggioranza ne subirà la drammatica conseguenza di perdere i diritti sociali, la libertà ed i frutti del proprio lavoro. 

Non è dato sapere cosa potrà accadere se non si interverrà tempestivamente sulla spirale in corso: guerre, povertà, forme totalitarie? Sicuramente nulla di piacevole.

«Nel tentativo di salvare le foglie morte hanno fatto morire l’albero»



Home
La Crisi e la Rivoluzione Economica



Partecipa alla Rivoluzione: Condividi, Registrati e Commenta. Il cambiamento è possibile


 

REGISTRATI e scarica l'eBook


Login

Referenti Territoriali